Lombalgia

Secondo l’Organizzazione Mondiale della sanità la lombalgia è una causa importante di invalidità temporanea o permanente.

Non solo colpisce una vasta quantità di persone della popolazione mondiale, ma è anche una delle “presentazioni di dolore” che più spesso i medici di base incontrano con i loro pazienti.

Facciamo un esempio, nella vicina Svizzera circa 10 anni fa hanno fatto degli studi chiedendosi quale fosse la causa sanitaria numero uno di assenteismo dagli uffici pubblici.

Risposta: il mal di schiena.

La seconda domanda che si sono posti è stata:

“Qual è la cura più efficace per la lombalgia di origine disfunzionale e non patologica (escluse quindi: fratture, tumori, infezioni ecc)?”.

La risposta è stata: “La chiropratica”.

Una volta raccolti questi dati i nostri vicini d’oltralpe hanno regolamentato e inglobato la chiropratica nel loro sistema sanitario nazionale con risultati davvero eccellenti, soprattutto tenendo in considerazione il vantaggio costo/beneficio.

L’associazione italiana chiropratici (AIC) sta lavorando duramente affinché anche nel nostro paese venga riconosciuta la chiropratica, fortunatamente dal 2017 aprirà in Italia la prima università di chiropratica e si spera che questo possa accelerare i tempi verso un riconoscimento totale della professione.